Abiti-fiore nel giardino segreto. Curiel, la sfida della speranza

Roma, 30 gennaio 2016 – Inno alla vita, elogio della Natura, grida di bellezza: tutto nella collezione di abiti d’alta moda per la prossima estate firmata da Raffaella Curiel che ancora una volta, se possibile, si è superata nel “cucire” una storia di emozioni positive, un ritratto di donna che ritorna a sorridere.E di questi tempi tanto confusi, impauriti e depressi non poco ricordare che solo la Natura non ha paura di niente racconta Raffaella Curiel dopo gli applausi nel backstage del defil, circondata da amiche, clienti e ammiratori, abbracciata alla figlia Gigliola e al figlio Gaetano e ci d’ un senso di speranza. Così ho immaginato il mio giardino segreto, quello del mio cuore e dei miei ricordi, e ho disegnato e fatto ricamare abiti-fiore, gonne di petali, cinture che ricordano lo stelo di una rosa o di un anemone, pantaloni che sembrano una calla.

NEL PRIMO giorno di AltaRoma, che ha scelto come quartier generale l’ex Dogana ferroviaria a San Lorenzo, brilla di colore l’eterna primavera di Curiel e le nuance si inseguono sul tailleur lilla con il top di miosotis, sul vestito-tulipano, “il mio preferito” racconta la stilista mentre mostra orgogliosa i fiori e il biglietto affettuoso di auguri e “in bocca al lupo!” che le ha mandato Giorgio Armani. Nel finale ecco l’abito roseto, tutto ricamato in Italia, e ancora quello che rappresenta l’estate con la gonna dipinta campo di grano e il bustier che è un cestino di paglia ornato sul seno di papaveri di seta. Inimitabili e strappa-applausi i “curielini”? blu notte, sulle scarpe col tacco a bocciolo disegnate da Gigliola Curiel che da anni la talentuosa e appassionata braccio destro di mamma Lella. In prima fila hanno ammirato e applaudito la collezione l??????ambasciatore americano in Italia John Phillips, la Presidente di Poligrafici Editoriale SpA Maria Luisa Monti Riffeser, e le signore Maddalena Letta, Lella Bertinotti, Fabiana Balestra, Lella Golfo, la Presidente di Alta Roma Silvia Venturini Fendi, il Presidente Onorario di Camera Moda Beppe Modenese, lo scrittore Cesare Cunaccia. Prima del defilè un gruppo di animalisti ha inscenato davanti al cancelli dell’ex Dogana una manifestazione contro le pellicce, peraltro fuori stagione visto che in passerella ci sono sottovesti e abiti da sera di chiffon e d’organza. “Quando entravo mi hanno aggredita e spintonata ” racconta Lella Curiel ” e mi sono impaurita fino alle lacrime. Però ho detto ai manifestanti: guardate che io do da lavorare a gente che le pellicce non se le può proprio permettere!.

DI PRIMA mattina per AltaRoma si sono aperte le porte del salotto privato delle principesse Maria Pia e Giacinta Ruspoli per lo show di Anton Giulio Grande che ha fatto adagiare le modelle con abiti languidi e sontuosamente sexy sui divani e sui canapè del nobile palazzo. Oggi s’annuncia ricco di proportfolio_pagee couture d’effetto il defilè di un decano dell’alta moda italiana come Renato Balestra. La maison Gattinoni invece, guidata da Stefano Dominella e da Guillermo Mariotto che ne è il direttore creativo, presenta 22 creazioni allo Studio Orizzonte: il tema non poteva che essere, tra ironia e impegno, il Family Couture Day, pensando solo al femminile a due donne mamme, con tanto di bambina e cagnetta.

Category:

Fashion, Press Office

Date:

gennaio 30, 2016

Tags:
Raffaella Curiel

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Cookies Privacy Policy

Chiudi